Il seminario sull'alfabetizzazione emotiva nei bambini è un incontro gratuito di due ore che organizzo in diversi momenti dell’anno per chiunque voglia approfondire l’argomento e avere la possibilità di interagire con me: per questo motivo, ogni seminario è dedicato a un massimo di dodici persone, per dare a tutti la possibilità di intervenire e di ricevere una risposta articolata.

Nel corso delle due ore, vedremo insieme cosa definisce l’intelligenza emotiva dei bambini e come aiutarli a costruire un vocabolario delle emozioni che permetta loro di conoscerle e di esprimerle con le parole, in un percorso di crescita che li porti a essere bambini “emotivamente competenti”.

L’intelligenza emotiva

Intelligenza emotiva include l’autocontrollo, l’entusiasmo e la perseveranza, l’empatia e la capacità di automotivarsi: insegnare queste capacità ai bambini significa predisporli a far fruttare il loro talento intellettuale, qualsiasi esso sia.

Le cinque abilità fondamentali che definiscono l’intelligenza emotiva e sono alla base del carattere e della volontà sono:
  • riconoscere le emozioni nel momento in cui presentano
  • controllare le emozioni per reagire con consapevolezza e maggior capacità di recupero di fronte alle avversità
  • motivarsi e controllare le emozioni per raggiungere un obiettivo, senza cedere agli impulsi e puntando alla gratificazione finale e non immediata
  • usare l’empatia, cioè la capacità di riconoscere le emozioni altrui
  • gestire le relazioni con gli altri .
Controllare le emozioni non significa sopprimerle, ma reagire alle circostanze in modo appropriato, né troppo tenue, né estremo: il benessere psicologico nasce dal rapporto ben bilanciato tra emozioni positive e negative, senza lasciare che i sentimenti estremi prevalgano e oscurino tutti gli altri, in particolare quelli piacevoli.

Il “talento emozionale” di ogni bambino non è un destino immutabile: gli insegnamenti emozionali possono contribuire allo sviluppo dell’intelligenza emotiva.

Parlare dei sentimenti: il vocabolario delle emozioni

Un’emozione senza nome, esiste davvero? Se non riuscissimo a dare un nome a quello che proviamo, non potremmo risolvere i problemi che affrontiamo né chiedere aiuto a chi ci sta a fianco. Anche il bambino deve imparare a denominare le sue emozioni per regolare le sue reazioni, costruendo via via quel vocabolario emotivo che arricchisce di sfumatore gli stati d’animo, permette di comunicarli agli altri e di discuterne insieme.

Il ruolo dell’adulto è collaborare a costruire questo vocabolario, trovando la parola giusta per l’emozione nel momento in cui il bambino ne fa esperienza, sia nel corso dei normali avvenimenti quotidiani, per esempio durante un gioco, guardando un cartone animato o leggendo una favola, oppure nel corso di una conversazione con il bambino. I genitori possono anche imparare a strutturare degli esercizi semplici e divertenti per stimolare questa capacità. 

Argomenti del seminario

Nel corso del seminario, vedremo insieme gli aspetti appena descritti e li approfondiremo ragionando su questi temi:
  • l’intelligenza emotiva e il talento emozionale
  • chi è il bambino “emotivamente competente”
  • lo sviluppo dell’empatia e l’importanza dello scambio e della sintonia tra genitori e bambino per lo sviluppo del primo repertorio di risposte empatiche
  • che cos’è la preoccupazione: quando è positiva e cosa succede se diventa invadente
  • i comportamenti degli adulti che ostacolano lo sviluppo dell’intelligenza emotiva del bambino
  • come insegnare al bambino a riconoscere e gestire la collera a partire dai segnali fisici: l’importanza di fermarsi a pensare per non agire d’impulso e senza sopprimerla
  • tristezza e depressione: capirle, capire la differenza e il ruolo di supporto della psicologia
  • ansia e paure come parte del processo di crescita del bambino e le prime strategie utili per contenerle
Image

Informazioni

Il seminario è gratuito per tutti i partecipanti.

Durata di ogni seminario: 2 ore
Orario: serale, in genere dalle 20 alle 22
Dove: nel mio studio a Lugo (RA)
Numero di partecipanti: massimo 12, per permettere a tutti di partecipare attivamente

Iscrizioni e calendario

Uso Eventbrite per raccogliere le iscrizioni.

Fai clic sul pulsante “Iscriviti al seminario” per accedere a Eventbrite e completare l’iscrizione: riceverai una mail di conferma da Eventbrite con un riepilogo di tutti i dettagli della serata.